Crea sito

Ballottaggio, Lombardo (Sicilia Vera): “De Luca ha nel programma punti degli altri candidati”

Siamo entrati nella settimana decisiva, l’ultima di campagna elettorale. Domenica si svolgerà il ballottaggio che decreterà chi tra Dino Bramanti e Cateno De Luca sarà il nuovo sindaco di Messina. I due non potranno contare sull’apporto, almeno ufficiale, di nessuna lista che ha superato il 7%, visto che non è stato ufficializzato alcun apparentamento. Ufficiali anche i nomi degli ultimi tre assessori dell’eventuali Giunta Bramanti, nomine che non hanno convinto il presidente di Sicilia Vera, Giuseppe Lombardo: “Mentre il prof Bramanti designava e depositava oggi al Comune i nomi dei suoi tre nuovi assessori, Pasquale Currò, Simona Contestabile e Giusy Marabello, cercando di accontentare tutti gli alleati della sua coalizione con delle nomine, il candidato on. Cateno De Luca ha depositato invece, l’integrazione del suo programma elettorale accogliendo le idee positive dei programmi dei candidati non arrivati al ballottaggio ”.

Giuseppe Lombardo poi aggiunge: “Dopo il primo turno, infatti, è possibile, senza accordi sottobanco, integrare il proprio programma elettorale. L’on.De Luca ha esaminato con attenzione i programmi del Movimento Cinque stelle, e dei candidati Renato Accorinti e Antonio Saitta, e ha scelto da ciascuno di questi un punto qualificante per inserirlo nel suo patto con la città. Quando le idee sono buone bisogna valorizzarle e tradurle in fatti concreti. Sappiano quindi gli elettori dei candidati non ammessi al ballottaggio che una parte del loro programma sarà quindi realizzato da De Luca. Dal programma di Sciacca De Luca ha pensato di portare avanti l’ideadell’assessorato per le Periferie con la riqualificazione dei quartieri a rischio puntando su aree verdi e bellezza. Riuso degli edifici abbandonati, scuole e parrocchie come presidi di legalità. Dal programma del candidato Accorintiha ripreso il recente regolamento di Arte di strada, che spalanca le porte a numerose attività in grado di attirare artisti di strada, permettendo a quelli locali di operare nella legalità. Nel programma di amministrazione si intende portare avanti iniziative culturali atte ad attirare artisti di strada per la realizzazione di eventi tematici giornate della cultura, notti Bianche etc.. anche alo scopo di favorire la nascita di u tessuto stabile che arricchisca offerta culturale cittadina e renda ala città più accogliente nei confronti del turismo. Per quel che riguarda il programma di Saitta l’on. De Luca porterà avanti il progetto nel quale il Comune, nell’ambito delle proprie competenze, insieme alla Soprintendenza e al MuME si impegnerà per realizzare finalmente la Cittadella della Cultura, con la completa riqualificazione dell’ex Ospedale Margherita. Nello specifico con lo spostamento degli uffici della Soprintendenza, come prevede il progetto regionale (Assessorato ai Beni Culturali) della Cittadella della Cultura è possibile dare vita ad un’unica grande area che ospiterebbe, tra l’altro, due nuove realtà il Museo Archeologico e il Museo della Memoria. Il primo conterrebbe il materiale archeologico, che la città possiede, oggi solo in parte, esposto al Mume. Il secondo, invece, dedicato al ricordo del terremoto del 1908”.