Crea sito

Mangano (M5S) ” Torrente Larderia Interventi urgenti per il corretto deflusso delle acque”

Il Movimento Cinque Stelle torna ad occuparsi delle criticità dei torrenti ad alto rischio idrogeologico, che ormai da tempo preoccupano i cittadini dei quartieri periferici.

Dopo l’interrogazione indirizzata al sindaco Cateno De Luca, nella quale si chiedevano spiegazioni in merito a una strada abusiva realizzata nell’alveo del torrente S. Stefano, utilizzando conglomerato bituminoso proveniente dalla scarificazione di pavimentazioni stradali, i pentastellati focalizzano adesso l’attenzione sul torrente Larderia.

Con una nota indirizzata al primo cittadino, al capo della Protezione Civile comunale, al Genio Civile e al Presidente della I Circoscrizione, a firma del consigliere Paolo Mangano e del capogruppo Andrea Argento, il gruppo consiliare chiede un urgente intervento nell’alveo del torrente, che determina ormai un serio rischio per la popolazione residente.

“Il torrente Larderia – si legge nella nota – si trova in una condizione di grave emergenza, poiché, da monte alla foce, insistono elementi esposti al rischio diretto, quali edifici residenziali e commerciali, insediamenti produttivi e infrastrutture strategiche. Il Piano stralcio di bacino per l’Assetto Idrogeologico (PAI) adottato dalla Regione Siciliana riconosce, inoltre, un potenziale rischio idraulico nell’area e da uno studio, commissionato dal Comune di Messina al Dipartimento di ingegneria civile di dell’Università di Messina sulla pericolosità idraulica, è emerso un rischio alto per i nuclei abitati (E3) e centri abitati (E4)”.

Poiché, in base al DPCM 28.05.2015 ed alla circolare n. 22288 del 23.03.2017, il torrente Larderia presenta un grado di priorità molto alta (AA), nell’attesa che si realizzino le necessarie opere di mitigazione del rischio idrogeologico, i consiglieri del M5S, considerata l’imminenza del periodo invernale, chiedono di non sottovalutare il problema, attuando un intervento di messa in sicurezza attraverso la bonifica e la sistemazione dell’alveo e degli argini, al fine di garantire il corretto deflusso delle acque.