Crea sito

Messina, un pensionato trova buoni per 1,5 milioni di euro nella spazzatura

Appassionato di filatelia, è stato attratto da alcuni vecchi documenti gettati nella spazzatura vicino a un cassonetto, e ha controllato. E’ stato così che un pensionato 83enne di Messina ha scoperto un tesoro in buoni fruttiferi emessi negli anni Trenta e Quaranta: il valore attuale supera il milione e mezzo di euro. L’uomo, dopo aver denunciato il ritrovamento, non ha avuto riscontro dagli eredi ed è così diventato titolare dei buoni. La notizia è stata riportata dal giornale online TGCOM24

Il protagonista della vicenda si chiama Gaetano Cannavò ed è originario di Belpasso (Catania), ma da anni risiede a Messina. Quando ha visto quei vecchi documenti abbandonati accanto a un punto raccolta rifiuti, ha pensato che avrebbe recuperato qualche francobollo di valore di cui è appassionato collezionista. E invece ha trovato una vera fortuna: si trattava di buoni fruttiferi postali di qualche decennio fa, del valore nominale di 5mila lire ciascuno. Cannavò si è così ritrovato titolare di un patrimonio che, ha detto, gli servirà per una vecchiaia serena, oltre che per fare un po’ di beneficenza.

Poste italiane e ministero delle Finanze – Il pensionato si è già messo in contatto con due avvocati, Sara Gitto e Ilaria Napolitano del Foro di Roma, che tuteleranno i suoi interessi. A loro ha dato mandato di agire per recuperare la somma presso Poste italiane e ministero delle Finanze, obbligati in solido a “onorare” tutti i debiti esistenti anche prima dell’avvento della Repubblica italiana.

Sono i due enti, infatti, a rispondere in solido non solo dei Titoli di Stato emessi durante la Repubblica Italiana, ma anche ai tempi del Regno d’Italia. L’udienza per Gaetano Cannavò è stata fissata davanti al Tribunale civile di Roma il 23 maggio.

Dieci milioni i titoli ancora in circolazione – In Italia sono circa 10 milioni i titoli di credito “antichi” (tra buoni postali, libretti bancari, Bot, non riscossi e ancora riscuotibili) ancora in circolazione, e relativamente ad essi c’è molta disinformazione, spiega il dottor Luigino Ingrosso, dello studio legale referente del fortunato pensionato. Anche da parte degli enti preposti al pagamento.

Rimborso e “prescrizione” – A tal proposito è importante sapere che si può ottenere il rimborso di titoli “antichi” a condizione che non sia decorso il termine prescrizionale di 10 anni. Tale termine decorre non necessariamente dalla data di emissione del titolo, ma da quando il titolare è in grado di far valere il suo diritto. In particolare, anche se il titolo è stato emesso oltre 10 anni fa, ma il soggetto interessato lo ha “ritrovato” solo recentemente (ovvero negli ultimi 10 anni), può agire per il rimborso dello stesso e la prescrizione inizierà a decorrere dal momento del ritrovamento.

Il valore dei titoli “antichi” va poi stimato rapportandolo al potere d’acquisto del periodo a cui risalgono i crediti. Il titolare o l’erede cioè avrebbe diritto a ottenere oggi l’equivalente di quella somma di denaro, tradotta in euro, che all’epoca di emissione del titolo gli avrebbe consentito l’acquisto di un determinato bene.