Il Concerto di Capodanno al Teatro Vittorio Emanuele si conferma l’appuntamento più atteso dai messinesi

Sarà un’edizione di particolare pregio e assolutamente speciale quella del Concerto di Capodanno, che si terrà al “Vittorio Emanuele” domenica 1 gennaio 2023 (ore 19). Per molteplici ragioni. Innanzitutto per la presenza, sul podio, del Maestro Matthias Fletzberger, viennese doc, che torna a dirigere l’Orchestra del Teatro peloritano a distanza di poco più di un anno da un magnifico concerto con musiche di Wagner (applaudito il 23 dicembre 2021; superba solista il soprano tedesco Manuela Uhl). Una presenza, quella della prestigiosa “bacchetta” austriaca, voluta dal coordinatore artistico Matteo Pappalardo, che conferisce ulteriore spessore a un appuntamento atteso e sentito che, nel corso degli anni, ha saputo ritagliarsi un posto importante nel cuore dei messinesi, che puntualmente tornano a gremire il “Vittorio Emanuele”.
Per il ricco programma, che prevede – accanto alle immancabili “chicche” degli Strauss (alcune delle polke e dei valzer più celebri) – ricercate pagine da “Il pipistrello” (l’ouverture), da “Der Rosenkavalier” (la suite e la sequenza dei valzer) di Richard Strauss e la Quadriglia da “Un ballo in maschera”; e che sarà arricchito ancora dalle proposte della special guest di quest’edizione, il cantante messinese Alberto Urso, che si esibirà per la prima volta nel maggiore Teatro della sua città.
Tre i brani di cui sarà protagonista il tenore messinese: O sole mio, Granada e l’attesissimo Nessun dorma (dalla Turandot pucciniana) che chiuderà il concerto (…fatti salvi i probabili fuoriprogramma… non solo l’immancabile Radetsky Marsch di Strauss padre, evidentemente).
Può dirsi certamente soddisfatta la governance dell’Ente Teatro.
<Accogliamo il nuovo anno – dichiara il presidente dott. Orazio Miloro – consapevoli di avere oggi un Teatro che finalmente si presenta in grande forma, pronto ad affrontare, come la Città, nuove sfide e a coinvolgere l’intera comunità (giovani e meno giovani) che in maniera imponente sta tornando a frequentare la nostra stagione con eventi di alto livello, facendo del Vittorio Emanuele quel polo culturale centrale che abbiamo auspicato diventasse al momento dell’insediamento della nostra governance>.

CONCERTO DI CAPODANNO
musiche di J. Strauss, R. Strauss, Capurro-Di Capua-Mazzucchi, G. Puccini
direttore Matthias Fletzberger
special guest Alberto Urso
Orchestra Teatro Vittorio Emanuele
produzione E.A.R. Teatro di Messina

Programma
Johann Strauss Ouverture da “Il pipistrello”
Johann Strauss Valzer dell’Imperatore, op. 437
Johann Strauss Tritsch-tratsch Polka op. 214
Richard Strauss Suite e sequenza di valzer dall’opera “Der Rosenkavalier”
Johann Strauss Voci della primavera, valzer
Capurro-Di Capua-Mazzucchi O sole mio
Johann Strauss Sangue viennese, valzer
Tradizionale Granada
Johann Strauss Un Ballo in Maschera, Quadrille
G. Puccini Nessun dorma

MATTHIAS FLETZBERBGER, direttore
È considerato un “artista di prima classe” ed è conosciuto come uno specialista del romanticismo tedesco.
Particolarmente apprezzata è la sua profonda conoscenza delle opere di Wagner e Strauss.
Nell’estate 2021 ha diretto il festival di nuova fondazione “Klassik am Platz “tra cui” Ariadne auf Naxos (con Camilla Nylund) e “Das Lied von der Erde” (con Nadine Weissmann e Benjamin Bruns). Nel Agosto 2020 era lui più musicale capo di Weinviertel Festival con “Tristano e Isotta” di Wagner (con Martina Serafin, Hermine May Günther Groissböck / René Pape, Thomas Johannes Mayer) e l’“Olandese volante” (con Tomasz Konieczny). In precedenza ha lavorato alla Sofia National Opera in preparazione di una nuova produzione di Richard Strauss “Elektra”.
Nel 2018-19 è stato direttore artistico e amministrativo e direttore del primo “Anello del Nibelungo” in Seoul/Corea, 2020 è stato direttore musicale del Weinviertel Festival con “Tristano e Isotta” di Wagner e “Vascello fantasma”. Allo stesso tempo ha lavorato all’Opera Nazionale di Sofia in preparazione di una nuova produzione di “Elektra” di Richard Strauss. Dal 2021 e direttore artistico del festival “Klassik am Platz” dove nel primo anno presentava opere di R. Strauss (“Arianna a Naxos”) e G. Mahler (“Il canto della terra”).
Il suo talento musicale ha attirato presto l’attenzione, all’età di 5 anni era uno degli studenti più giovani di tutti i tempi presso l’Università della Musica di Vienna.
Vincitore di importanti premi in concorsi (tra cui Busoni / Bolzano 1984, Rubinstein / Tel Aviv 1986, Maria Callas / Atene 1988, Bösendorfer / Vienna 1989), intensa attività concertistica come pianista con circa 1.000 esecuzioni in soli 5 anni in giro per il mondo su tutti i continenti.
Motivato da Rolf Liebermann ed Elisabeth Schwarzkopf e formato da Ferdinand Leitner e Carl Melles, si è dedicato alla direzione d’orchestra. Tra i suoi primi successi come direttore d’orchestra era il “Flauto magico” al Festivale die Vienna. Seguono altri impegni all’Opera di Stato di Praga e al Teatro di San Gallo (Svizzera).
Dopo una pausa di 10 anni, Matthias Fletzberger è tornato alle opere e ai palchi di concerti in tutto il mondo nel 2010, inizialmente come pianista e presto di nuovo come direttore d’orchestra.
Ha pubblicato registrazioni per Deutsche Grammophon e Preiser Records.
Matthias Fletzberger a collaborato con registi come Peter Ustinov, Beni Montresor, Adrian Marthaler, Olivier Tambosi e Achim Freyer e con cantanti come Annette Dasch, Daniela Fally, Elina Garanca, Camilla Nylund, Martina Serafin / Benjamin Bruns, Günther Groissböck, Thomas Hampson, Tomasz Konieczny, Renè Pape, Andreas Schager, Daniel Schmutzhardt e Ramon Vargas.
Orchestre, pubblico e critica sottolineano in particolare la sua capacità di elaborare le opere del romanticismo tedesco in modo autentico e multicolore e di condurre le orchestre a esecuzioni sorprendenti nel più breve tempo possibile.
Ha diretto nel 2022 al Teatro Vittorio Emanuele il “Concerto Wagneriano”.

ALBERTO URSO, special guest
Alberto Urso nasce a Messina il 23 luglio del 1997, quindi ha 25 anni. La sua passione per la musica non ha confini e lo porta a spaziare nel ruolo di cantante, tenore, polistrumentista, compositore e musicista.
Studia al Conservatorio della città dello Stretto, dove consegue la licenza in Teoria e Solfeggio con il massimo dei voti. Consegue la laurea magistrale in Canto Lirico al Conservatorio di Matera.
Sin da giovanissimo si avvicina al mondo dello spettacolo. Nel 2010 partecipa al talent show di Rai 1 “Ti lascio una canzone”, duettando con vari cantanti e vincendo l’edizione, insieme ad altri concorrenti.
Studia canto, suona pianoforte, sax e batteria. Fa parte, per un certo periodo di tempo, del trio TNT, con Benedetta Caretta e Ludovico Cetri (un’esperienza che poi termina). Nel 2017 duetta con Katia Ricciarelli e pubblica, nel mese di novembre del 2018, l’album intitolato “Per te”.
Tra gli anni 2018 e 2019 Alberto Urso partecipa alla 18esima edizione del programma Amici di Maria De Filippi. Questa esperienza, con la vittoria, lo fa conoscere al grande pubblico e gli regala notevole notorietà. Nel maggio del 2019 pubblica il suo primo album in studio, “Solo”, certificato Disco d’Oro e rimasto in classifica FIMI Italiana in prima posizione per due settimane consecutive.
Proprio da questo disco, viene estratto il singolo “Accanto a te” (scritto dalla cantante Giordana Angi), pubblicato il 20 maggio. Il disco, inoltre, include tra le sue tracce anche una rivisitazione di “Guarda che luna”, un noto successo di Fred Buscaglione, che vede la partecipazione vocale di Arisa.
Sempre nel 2019, Alberto partecipa ai SEAT Music Awards e a Battiti Live, dove presenta il singolo “Ti lascio andare”. Diventa, poco dopo, coach della squadra blu della prima edizione di Amici Celebrities, in onda su Canale 5. Esce dunque alla fine di ottobre il secondo album in studio, che si chiama “Il sole ad est”. Lo anticipa il singolo “E poi ti penti”, scritto da Francesco Silvestre.
Alla fine dell’anno, Alberto Urso partecipa allo show “L’anno che verrà”, condotto da Amadeus. Durante la trasmissione viene annunciata la sua partecipazione al Festival di Sanremo con la canzone “Il sole ad est”.
Il 2020 vede duettare il giovane cantante siciliano con il mezzo soprano Katherine Jenkins nel brano che dà il titolo al disco della Jenkins: “Cinema Paradiso”. Segue, nel febbraio del 2021, un nuovo singolo, “Amarsi”, presentato durante Amici di Maria De Filippi. Arriviamo così al presente e a cosa fa oggi Alberto Urso. Nei mesi scorsi l’annuncio di prendere parte al gruppo internazionale dei “The Tenors“.
“Finalmente posso annunciarvi questa splendida notizia! Da oggi farò parte di uno dei più importanti gruppi di fama internazionale, The Tenors! Non vediamo l’ora di portare la nostra musica in tutto il mondo, calcando i più grandi palchi insieme a voi”, scrive sui social. Proprio attraverso i social, lo stesso Alberto ha confermato di essere stato a luglio a Los Angeles a “lavorare a tante novità”.
Teatro Vittorio Emanuele:
Domenica 1 gennaio 2023, ore 19 – fuori abbonamento