Messina, Il Caso Croce divide il Consiglio Comunale, lunedì la seduta

Lunedì prossimo si terrà una seduta delicata del Consiglio Comunale di Messina, con il caso Croce al centro dell’attenzione. L’esito di questa controversia non è affatto scontato, e il consiglio si prepara a discutere la delibera di contestazione nei confronti del consigliere dott. Maurizio Croce, presentata da Nello Pergolizzi, presidente del consiglio comunale, a metà dicembre.

La decisione di affrontare la questione all’inizio del 2024 è stata motivata ufficialmente dalla priorità di atti economico-finanziari più urgenti. Tuttavia, una motivazione più informale, ma significativa, è emersa: il “turbamento” causato dalla delibera tra i consiglieri, che sembrano restii a pronunciarsi su un caso complicato, indipendentemente dall’esito. Inoltre, la possibilità delle dimissioni di Croce entro la fine di gennaio aggiunge un elemento di incertezza.

Si ipotizza che dal centrodestra, forse rappresentato da Ora Sicilia, possa arrivare la proposta di una sospensiva o di un rinvio della delibera, opzione che potrebbe trovare consenso anche tra alcuni esponenti della maggioranza.

La questione centrale riguarda l’elezione di Maurizio Croce come consigliere nel 2022, come miglior perdente tra i candidati sindaco. La sua candidatura richiese la rinuncia all’incarico di soggetto attuatore del commissario di governo per il contrasto al dissesto idrogeologico, ruolo che successivamente riprese. La delibera non si limita a questioni di ineleggibilità e incompatibilità, ma evidenzia anche un assenteismo reiterato e un prossimo incarico nel comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale, aspetti che al momento non sono oggetto della discussione.

Se l’Aula dovesse approvare la delibera, si darebbe il via alla contestazione a Croce per ineleggibilità e incompatibilità, con la richiesta di rimozione entro dieci giorni dalla notifica. In caso di mancata risposta, Croce verrebbe dichiarato decaduto dal consiglio comunale dopo ulteriori dieci giorni. La situazione si preannuncia quindi come una delle discussioni più delicate e decisive che il Consiglio Comunale di Messina dovrà affrontare.