15 Giugno 2024 - 19:09

Messina, Ordinanza Sindacale per il Risparmio Idrico e le Limitazioni all’Uso dell’Acqua Potabile

Il Sindaco della Città di Messina, Federico Basile, considerato lo stato di severità idrica nel Distretto Sicilia a causa della grave situazione di siccità, e il conseguente deficit idrico che sta interessando diverse aree del territorio regionale, rileva che un corretto uso delle risorse naturali riveste attualmente un carattere di necessità primaria. In quanto l’acqua, risorsa essenziale per la vita, deve essere salvaguardata da possibili sprechi, soprattutto in una situazione di carenza.

Pertanto, con ordinanza contingibile e urgente, si ORDINA a tutta la cittadinanza, su tutto il territorio comunale, con decorrenza immediata e sino al termine della criticità idrica che sarà comunicata con eventuale revoca della presente ordinanza, e comunque sino alla data massima del 31 Ottobre 2024, il divieto di prelievo e di consumo di acqua potabile per:

  1. L’irrigazione e annaffiatura di giardini e prati, che potrà avvenire esclusivamente nella fascia oraria dalle ore 22:00 alle ore 6:00 e per non più di 60 minuti.
  2. Il lavaggio di aree cortilizie e piazzali, se non nella misura minima ed indispensabile e comunque senza inutili sprechi.
  3. Il lavaggio di veicoli privati.
  4. Il riempimento di fontane ornamentali, vasche da giardino, e piscine private.
  5. Tutti gli usi diversi da quelli alimentari, domestici ed igienici.

Il Sindaco rappresenta inoltre, ai fini di un monitoraggio delle risorse idriche, che l’installazione delle docce lungo i pubblici arenili attrezzati sarà scaglionata, prevedendo nella fase iniziale l’installazione di 25 docce, con successivi posizionamenti gestiti in base alle risorse idriche disponibili. Qualora fosse necessario, in caso di mancato rispetto delle predette indicazioni o se le stesse non sortissero gli effetti sperati sul risparmio idrico, si procederà ad ulteriori accorgimenti quali la chiusura delle docce già installate lungo gli arenili comunali (spiagge libere attrezzate) e il riempimento di piscine private, nonché di vasche utili all’irrigazione con prelievo dalle reti cittadine.

Infine, il Sindaco invita la cittadinanza ad un uso razionale e corretto dell’acqua potabile, riconoscendo la massima importanza della collaborazione attiva di tutti i cittadini.