19 Maggio 2024 - 04:53

Messina, Sergio Castellitto in “Zorro – Un eremita sul marciapiede”, al Vittorio Emanuele dal 28 aprile

SERGIO CASTELLITTO IN “ZORRO – UN EREMITA SUL MARCIAPIEDE”, UNO SPETTACOLO TRAGICOMICO ED EMOZIONANTE
DAL TESTO DI MARGARET MAZZANTINI IN SCENA AL VITTORIO EMANUELE DI MESSINA VENERDÌ 28 APRILE CON REPLICHE IL 29 E IL 30

ZORRO
UN EREMITA SUL MARCIAPIEDE
di Margaret Mazzantini
con Sergio Castellitto
aiuto regia Francesca Primavera
service audio-luci ISATEC-Roma
regia Sergio Castellitto
organizzazione Marcello Micci
produzione Angelo Tumminelli/Prima International Company 2022
durata spettacolo 1 ora e 20 minuti – Atto unico

Dopo i successi cinematografici Sergio Castellitto torna a teatro per interpretare un vagabondo, un antieroe che riflette sul significato di una vita che lo ha portato, con le sue scelte, a vivere sulla strada. E ai margini della società, è capace di vedere la realtà osservando la vita delle persone comuni che vivono in uno stato di quotidiana normalità.
Castellitto riporta sul palco lo spettacolo tratto da ‘Zorro. Un eremita sul marciapiede’, romanzo breve di Margaret Mazzantini (2004, Mondadori) – sua moglie n.d.r. – di cui lui firma invece la regia. L’attore romano è nei panni di un clochard che ripercorre la storia della sua vita e delle scelte che lo hanno portato a vivere sulla strada. Il dialogo interiore di un uomo ai margini della società, capace di vedere la realtà osservando la vita delle persone ‘normali’. Capace di restituire attraverso una sorta di ‘filosofare’ allegro e indifeso il ‘sale della vita’, la complessità e l’imprevedibilità dell’esistenza.
L’origine di Zorro e della conseguente messa in scena, lo racconta nelle note di spettacolo la scrittrice Mazzantini: ”Zorro mi ha aiutato a stanare un timore che da qualche parte appartiene a tutti – dice la Mazzantini – perché dentro ognuno di noi, inconfessata, incappucciata, c’è questa estrema possibilità: perdere improvvisamente i fili, le zavorre che ci tengono ancorati al mondo regolare. Chi di noi in una notte di strozzatura d’anima, bavero alzato sotto un portico, non ha sentito verso quel corpo, quel sacco di fagotti con un uomo dentro, una possibilità di se stesso? I barboni sono randagi scappati dalle nostre case, odorano dei nostri armadi, puzzano di ciò che non hanno, ma anche di tutto ciò che ci manca”.
”Perché forse ci manca quell’andare silenzioso totalmente libero – continua la Mazzantini – quel deambulare perplesso, magari losco, eppure così naturale, così necessario, quel fottersene del tempo meteorologico e di quello irreversibile dell’orologio. Chi di noi non ha sentito il desiderio di accasciarsi per strada, come marionetta, gambe larghe sull’asfalto, testa reclinata sul guanciale di un muro? E lasciare al fiume il suo grande, impegnativo corso. Venirne fuori, venirne in pace”.
Teatro Vittorio Emanuele:
Venerdì 28 aprile 2023, ore 21
Sabato 29 aprile 2023, ore 21
Domenica 30 aprile 2023, ore 17:30