25 Giugno 2024 - 00:18

Taormina, Gestione Illecita e corruzione: Misure Cautelari contro Ex Dirigenti del Consorzio Rete Fognante e Imprenditori

Agenti della Polizia di Stato di Taormina e finanzieri della Guardia di Finanza hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare personale nei confronti di ex dirigenti e imprenditori legati al Consorzio Rete Fognante di Taormina, organizzazione pubblica responsabile dell’impianto fognario nella regione Ionica di Messina. Questa azione è stata intrapresa su disposizione del Tribunale Peloritano, in risposta a accuse di corruzione, turbativa d’asta, falsificazione documentale, truffa e inquinamento ambientale.

Le indagini, condotte dalla Procura della Repubblica di Messina e coordinate dal Commissariato di Polizia di Taormina insieme alle Fiamme Gialle della Compagnia di Taormina, hanno rivelato un sistema consolidato di cattiva gestione delle funzioni pubbliche. Questo sistema, caratterizzato da opacità e favoritismi, ha comportato l’assegnazione arbitraria di contratti per la manutenzione dell’impianto fognario a imprenditori selezionati per fini personali anziché in base alla normativa vigente sui contratti pubblici.

In particolare, è emerso che i dirigenti responsabili dell’area tecnica e finanziaria hanno manipolato i processi decisionali, consentendo l’utilizzo dell’impianto di depurazione senza le necessarie autorizzazioni e manutenzioni, causando danni significativi all’ambiente circostante, incluso lo scarico abusivo di reflui fognari non trattati nelle acque del fiume Alcantara.

Di fronte alla gravità delle accuse e al rischio di ricadute future, il Giudice per le Indagini Preliminari ha disposto il sequestro di mezzi utilizzati per attività illegali e ha imposto misure restrittive contro gli indagati, compreso il divieto di contrarre con la Pubblica Amministrazione. L’impianto gestito dal Consorzio è stato temporaneamente affidato a un amministratore giudiziario per garantirne il corretto funzionamento e rispettare gli standard ambientali.

Questa azione rappresenta l’impegno continuo delle autorità nel contrastare la corruzione e proteggere l’ambiente, nonché nell’assicurare la corretta gestione delle risorse pubbliche a beneficio della comunità. È importante sottolineare che gli indagati devono essere considerati innocenti fino a prova contraria e che il processo legale determinerà eventuali responsabilità in modo equo e imparziale.