19 Maggio 2024 - 03:43

Università di Messina, Cgil e Flc Messina: Un Nuovo Inizio per una Fondamentale Istituzione

Nel contesto della recente transizione dei vertici dell’Università di Messina, il segretario generale della Cgil Messina, Pietro Patti, e la segretaria generale della Flc-Cgil Messina, Patrizia Donato, condividono la loro visione sulla crescente importanza dell’ateneo nel contesto del territorio. Entrambi sottolineano l’urgente necessità di rivolgersi a programmi e progetti mirati al rilancio dell’istituzione e al miglioramento della sua reputazione.

Patti e Donato, in rappresentanza dei lavoratori e dei sindacati del settore della conoscenza, enfatizzano l’importanza di un percorso che consideri l’interesse dell’intera comunità. La Cgil Messina è pronta a contribuire con proposte concrete e un dialogo costruttivo su questioni legate all’ambito universitario, al ruolo che l’Università svolge nel territorio e alle prospettive future. La priorità è affrontare le sfide emergenti, competere a livello nazionale ed internazionale e rispondere alle esigenze della comunità studentesca, tra cui alloggi universitari, trasporti e servizi necessari.

Patti sottolinea il ruolo cruciale che l’Università di Messina può svolgere nel processo di rilancio del territorio, promuovendo il dialogo e la collaborazione con le autorità locali, gli attori sociali e istituzionali.

Patti e Donato auspichano che il processo elettorale in corso si concentri principalmente sui programmi e sul percorso di miglioramento e crescita dell’Università. La trasparenza e una migliore reputazione sono elementi chiave per il successo continuo dell’ateneo.

La segretaria della Flc sottolinea che le dimissioni dell’ex rettore sono state richieste a seguito di gravi questioni oggetto di indagini giudiziarie, suscitando preoccupazione tra i dipendenti dell’ateneo. L’obiettivo è di far risplendere l’Università di Messina per il lavoro instancabile svolto dai suoi dipendenti in tutti i settori, invece di essere offuscata da eventi negativi che hanno caratterizzato l’ultimo periodo.

Patti e Donato concludono ribadendo l’importanza di un sistema che promuova chiarezza, legalità e trasparenza nell’amministrazione dell’ateneo, spingendo l’Università a essere un luogo di crescita sociale, piuttosto che un luogo di potere e privilegi. Le questioni in corso sono oggetto dell’attenzione delle autorità giudiziarie, e si spera che una nuova direzione porti a un futuro più luminoso per questa istituzione di grande rilevanza per il territorio.