15 Giugno 2024 - 06:23

Relazioni tossiche: Dal Ghosting all’Orbiting – Quando Chi Amiamo Svanisce ma Continua a Controllarci

Le dinamiche delle relazioni umane sono intricate e spesso sfuggono a semplici definizioni. Negli ultimi anni, nuovi termini sono emersi per descrivere fenomeni che si verificano all’interno delle relazioni, in particolare quelle digitali. Due di questi concetti sono il “ghosting” e l'”orbiting”. Entrambi rappresentano sfaccettature delle relazioni tossiche moderne, in cui l’amore e l’interesse si intrecciano con comportamenti di scomparsa e controllo sottile.

Ghosting: Quando l’Invisibilità Ferisce

Il termine “ghosting” si riferisce alla pratica di interrompere bruscamente ogni forma di comunicazione con una persona, senza alcuna spiegazione o preavviso. Chi viene “ghostato” si ritrova improvvisamente abbandonato e confuso, senza alcuna via di chiarimento. Questa azione può causare danni emotivi significativi, generando dubbi su cosa sia andato storto e perché l’altro partner è scomparso all’improvviso. Il ghosting può essere percepito come un atto di disprezzo o mancanza di rispetto, spingendo la vittima a mettere in discussione la propria autostima e sicurezza.

Orbiting: L’Ossessione Silenziosa

L'”orbiting” è un fenomeno che si verifica dopo il ghosting. In questa situazione, anche se la comunicazione diretta è stata interrotta, la persona che ha eseguito il ghosting continua a “orbitare” intorno alla vita dell’altra attraverso i social media o altre piattaforme digitali. L’orbiting è un modo subdolo per mantenere un certo grado di controllo e presenza nella vita dell’ex partner, senza affrontare le conversazioni difficili che potrebbero emergere da un incontro diretto.

Il Controllo Attraverso l’Assenza

Entrambi questi comportamenti si basano sulla nozione di controllo attraverso l’assenza. Nel ghosting, la persona che scompare esercita un potere su chi viene lasciato nell’ignoto. Nel frattempo, l’orbiting sfrutta la natura pubblica delle piattaforme social per mantenere viva l’attenzione dell’ex partner, suscitando confusione e talvolta impedendo la chiusura emotiva della relazione.

La Tossicità delle Relazioni Moderne

Questi fenomeni non sono limitati alle relazioni romantiche, ma possono verificarsi anche tra amici, colleghi e familiari. La loro natura digitale aggiunge un nuovo strato di complessità, poiché la comunicazione online può essere facilmente fraintesa e amplificare le emozioni negative. Le persone coinvolte in relazioni tossiche spesso si ritrovano intrappolate in un ciclo distruttivo, incapaci di chiudere emotivamente il capitolo a causa della costante esposizione all’orbiting o alla possibilità di riconnessione.

L’Importanza dell’Autocura e dell’Empatia

Per coloro che si trovano a fronteggiare il ghosting o l’orbiting, l’autocura diventa cruciale. Imparare a riconoscere e porre fine a dinamiche tossiche è il primo passo per guarire e ricostruire la propria autostima. D’altro canto, coloro che scelgono di interrompere le relazioni in modo rispettoso e aperto possono contribuire a mitigare questi fenomeni, evitando di infliggere danni emotivi inutili.

In conclusione, i concetti di ghosting e orbiting mettono in luce quanto sia complicata la natura delle relazioni moderne. Questi comportamenti tossici rappresentano un riflesso delle sfide e delle ambiguità che possono emergere nell’era digitale. Prestando attenzione alle proprie emozioni e agendo con empatia, possiamo sperare di trasformare le relazioni tossiche in opportunità di crescita personale.