Crea sito

“Liberalia”, donne conturbanti in mostra dal 16 Maggio a Barcellona P.G. per la cura dei bambini poveri

Si svolgerà dal 19 al 26 maggio 2019 la prima mostra fotografica intitolata “LiberALia”, patrocinata dal Comune di Barcellona Pozzo di Gotto. La mostra sarà allestita presso il locale «Lia Ci Si?», nella piazza in cui campeggia l’enorme seme d’arancia di 7 metri, opera di Emilio Isgrò come speranza di crescita e prosperità.
L’evento, a cura di Antonio Cilona, con la gentile partecipazione di Aldo Gattuso e Pamela Herpio, e le didascalie poetiche di Vincenzo Calì, vuole essere un omaggio alla libertà delle donne, libere di vivere e di sognare, di intraprendere e viaggiare, contro ogni forma di prevaricazione e violenza.
“LiberALia” proporrà una preziosa selezione di scatti fotografici aventi per soggetto volti di donne siciliane e innamorate della Sicilia: “donne conturbanti”. Il tema conduttore sarà – infatti – il «turbante», un tempo indossato dalle donne contadine nel faticoso lavoro, nel trasporto delle gerle
e delle giare, per asciugare il sudore della fatica nei campi e contenere i capelli raccolti in una crocchia composta.
Il tempo trasforma ogni cosa e questo elemento, distintivo di una classe sociale povera e sottomessa, diviene oggi vezzo e appannaggio delle donne più glamour, delle personalità più emancipate, artistiche e disinvolte: ieri necessità, oggi è la fascia a scegliere la testa cui appartenere e quando la trova, ha trovato «Lia».
La mostra “LiberALia” richiede il contributo di tutti, avendo lo scopo di sostenere l’associazione “Porta del Cielo Onlus” a sostegno dei bambini impossibilitati a mantenere le cure mediche di cui hanno bisogno.
Verrà messo a disposizione un punto raccolta in ogni esercizio aderente all’iniziativa con la richiesta di una libera donazione. Si dovrà scegliere la foto che più piace, legata alla didascalia che la correda.
«Lia» mette in palio diversi doni per tutti gli amici che decideranno di investire il loro tempo ed anche solo un euro a favore del progetto.