Crea sito

Messina, arresti domiciliari nei confronti di uno stalker quarantenne

Qualche giorno fa, i poliziotti delle Volanti hanno eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Messina, a carico di un uomo di 40 anni, resosi responsabile del reato di stalking in danno dell’ex fidanzata. La misura è stata eseguita a fronte delle querele sporte dalla vittima, che hanno trovato riscontro negli accertamenti svolti dai poliziotti.
L’uomo, che è stato per qualche mese legato alla vittima da una relazione sentimentale, pare non abbia mai accettato l’interruzione della stessa. Da quel momento, infatti, è iniziata una vera e propria persecuzione ai danni della donna.
Continui i messaggi, le chiamate, anche in orario notturno, gli appostamenti sotto casa e nei pressi del posto di lavoro, i pedinamenti in strada al fine di indurla a riprendere la relazione.
Una escalation di comportamenti persecutori che, col passare del tempo, hanno ingenerato nella vittima uno stato d’ansia e di disagio tali da modificarne le abitudini di vita, privandosi talvolta di uscire di casa per timore di essere pedinata. Inoltre, le condotte persecutorie hanno allarmato anche i familiari della donna che, in più occasioni, sono accorsi in suo aiuto.
Le condotte moleste non si sono fermate nemmeno dopo la notifica allo stalker dell’ammonimento da parte del Questore di Messina del 16 luglio scorso.
Le attività di indagine svolte dalla Polizia, coordinate dalla Procura della Repubblica di Messina, si sono concluse con l’emissione del provvedimento della misura cautelare degli arresti domiciliari.