24 Giugno 2024 - 23:47

Addio a Vincenzo Franchina: Sinagra Piange la Perdita del Giovane Tecnico morto a Suviana [FOTO]

La piccola comunità di Sinagra, in provincia di Messina, si è riunita oggi nella Chiesa Madre di San Michele Arcangelo per dare l’ultimo saluto a Vincenzo Franchina, il giovane tecnico di 35 anni tragicamente scomparso nell’esplosione della centrale idroelettrica sul lago di Suviana. L’intera cittadina è pervasa da un profondo senso di tristezza e sgomento per la perdita di un figlio devoto e un amico affettuoso.

Il feretro, accolto da parenti, amici e conoscenti, è stato portato nella chiesa dove nel pomeriggio di oggi si sono svolti i funerali.

Durante l’omelia, padre Pietro Pizzuto ha commosso i presenti con le sue parole toccanti e piene di significato su Vincenzo, un giovane che ha lasciato un’impronta indelebile nei cuori di coloro che lo conoscevano.

“Franchina era un uomo dal carattere gentile e riservato, ma capace di creare legami profondi con chiunque incrociasse il suo cammino. Il suo amore per la famiglia, sia quella di origine che quella che aveva costruito insieme alla sua compagna Enza, era evidente per chiunque lo conoscesse. La nascita del loro figlio Tommaso aveva arricchito ulteriormente la sua vita, confermando il valore e l’importanza della famiglia come nucleo fondamentale della sua esistenza.

Il legame con la sua terra d’origine e le sue tradizioni secolari era un altro elemento centrale nella vita di Vincenzo. Sinagra non era solo il luogo dove era nato, ma era anche il luogo che continuava a nutrire la sua identità e i suoi valori più profondi.

Ma forse ciò che colpiva di più di Vincenzo era la sua generosità e il suo impegno verso gli altri. Era un uomo che metteva il benessere degli altri prima del suo e che trovava soddisfazione nel dare e nel servire la comunità. Il suo lavoro non era solo un mezzo per guadagnarsi da vivere, ma una vera e propria passione che lo portava a essere attento alla sicurezza sul lavoro e orgoglioso delle sue conquiste professionali.”

La tragica e prematura morte di Vincenzo ha lasciato un vuoto incolmabile nella vita di coloro che lo amavano e lo stimavano. La sua assenza sarà sentita profondamente da tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di essere stati toccati dalla sua gentilezza e dalla sua generosità.

Ma mentre la comunità piange la sua perdita, padre Pietro Pizzuto ha offerto una speranza di consolazione, parlando della “resurrezione e della vita oltre la morte”. Ha sottolineato che “la giustizia per Vincenzo non può essere raggiunta solo in questa vita, ma attraverso la promessa della resurrezione e della vita eterna”.

Così, mentre Sinagra si prepara a dire addio a uno dei suoi figli più amati, resta la fiducia che il ricordo di Vincenzo continuerà a vivere nei cuori di coloro che lo hanno amato e che un giorno, nella speranza della resurrezione, saranno uniti a lui per l’eternità.