15 Giugno 2024 - 20:26

Messina,, domani 12 aprile incontro di Formazione al Liceo La Farina: Dalla Fisica alle Origini della Vita con il Prof. Marco Saitta

Domani, venerdì 12 aprile, dalle ore 9.30 alle ore 11.00 nell’Aula Magna del liceo La Farina il Prof. Marco Saitta, Ordinario di Fisica computazionale e Vicepreside della facoltà di Fisica della Sorbona di Parigi, terrà un incontro di formazione e orientamento che verterà principalmente sulla sua esperienza di ricercatore. La lectio del professore messinese avrà il titolo “Dalla fisica alle origini della vita: percorso di un ex-liceale da Messina alla Sorbona”.
Marco Saitta ha ottenuto la Laurea in Fisica, col massimo dei voti e la lode accademica, all’Università di Messina nel 1994, seguita da un Dottorato Internazionale in Teoria della Materia Condensata presso la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) a Trieste nel 1997. Si è poi trasferito a Philadelphia, USA, per un postdoc al Dipartimento di Chimica della University of Pennsylvania, una delle 7 università americane facenti parte della prestigiosa “Ivy League”. Nel 2000, è stato assunto come Maître de Conférences (Ricercatore) all’Université Pierre et Marie Curie – Sorbonne, presso l’Institut de Minéralogie, de Physique des Matériaux et de Cosmochimie (IMPMC). E’ diventato Professore nel 2011, Professore di 1ma classe nel 2014, e Professore di Classe Exceptionnelle nel 2017 a soli 46 anni, il più giovane in tutta la Francia nel settore di Materia Condensata. Dal 2013 è Vice-Preside della Facoltà di Fisica della Sorbonne (250 docenti, 350 ricercatori CNRS, 400 tecnici-amministrativi). Dal 2015 è responsabile del prestigioso Master in Fisica della Materia Condensata “International Center for Fundamental Physics” presso l’Ecole Normale Supérieure. Dal 2016 è stato chiamato a far parte del “Comité National del CNRS” per la sezione di Materia Condensata, commissione nazionale dei concorsi di reclutamento del CNRS. Nel 2015-16 è stato nominato dall’ANVUR membro del Gruppo Esperti Valutazione (GEV) per la Fisica, nell’ambito della Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) 2011-14, per conto del Ministero Italiano dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. Dal 2019 è Vice-Direttore Specialista di teoria della struttura elettronica e calcoli “ab initio”, la sua attività di ricerca ha coperto molti settori, dai semiconduttori al grafene, l’acqua e i ghiacci. I suoi interessi principali portano sulle proprietà esotiche della materia, ed in particolare i sistemi molecolari, a condizioni estreme di pressione, temperature, e campo elettrico, che hanno importanti ricadute in geologia e planetologia. Per questi studi è stato insignito nel 2006 dello Young Scientist Award of the European High Pressure Research Group. A. Marco Saitta ha recentemente creato un “breakthrough” sviluppando un nuovo campo di ricerca, tramite l’applicazione, per la prima volta, dei metodi “ab initio” allo studio delle origini chimiche della vita sulla Terra. I risultati ottenuti hanno avuto grande eco nella stampa scientifica specializzata, cosi’ come in quella divulgativa. Questi lavori recenti hanno motivato, negli ultimi 3 anni, una cinquantina di inviti a conferenze internazionali in tutto il mondo. A. Marco Saitta ha pubblicato, nel corso della sua carriera, un centinaio di articoli, tra cui 1 Nature, 2 Nature Materials, 1 Nature Communications, 7 PNAS, e 19 Phys. Rev. Lett. Il suo gruppo di ricerca consta, in questo momento, di un ricercatore, 5 postdoc, 4 dottorandi, e 2 studenti pre-Laurea.dell’Institut de Minéralogie, de Physique des Matériaux et de Cosmochimie. scrivi titolo