28 Maggio 2024 - 13:00

Il Decano Letterio Bonina dell’Università di Messina Annuncia Nuova Data per le Elezioni del Rettore

università messina

Nell’ambito dell’Università di Messina, una delle istituzioni accademiche più prestigiose e riconosciute in Italia, è in corso un importante processo di selezione per il nuovo rettore. Il Decano, Letterio Bonina, ha recentemente annunciato una nuova data per le elezioni del rettore, cercando di garantire la massima trasparenza e partecipazione democratica nell’intera procedura.

Le elezioni del rettore, inizialmente programmate in date differenti, sono state ridefinite in seguito a una serie di circostanze che hanno reso necessaria questa modifica. La data fissata ora è venerdì 1 dicembre per la prima votazione, mentre la seconda votazione avverrà mercoledì 6 dicembre. Nel caso in cui sia necessario un ballottaggio, esso si terrà il mercoledì successivo, il 13 dicembre.

Queste nuove date sono il risultato di una serie di considerazioni e di una profonda attenzione alle esigenze dell’intera comunità accademica. In particolare, il Decano Bonina ha citato l’udienza del TAR del 13 settembre scorso, che ha influenzato la tempistica delle elezioni. Questa udienza riguardava la sospensiva del provvedimento di diniego del Direttore Generale alla pubblicazione del Decreto di indizione delle elezioni a Rettore.

Il Decano ha sottolineato la sua volontà di rispettare le norme di legge, lo Statuto e i regolamenti in vigore, ma anche la necessità di tener conto delle osservazioni dell’amministrazione e delle raccomandazioni provenienti da una parte della comunità accademica. L’obiettivo è quello di garantire un processo elettorale ampio, approfondito e trasparente, consentendo ai membri della comunità accademica di fare scelte consapevoli.

Inoltre, Bonina ha evidenziato l’importanza di assicurare che la programmazione strategica triennale dell’Ateneo, da deliberare entro il 31 dicembre 2023, sia in linea con il programma elettorale sostenuto dalla maggioranza della comunità accademica. Questo approccio mira a dare piena efficacia alle scelte democratiche e a garantire che la leadership futura dell’Università rispecchi le volontà della sua comunità.

Al momento, due candidati sono in lizza per la successione del rettore uscente, Salvatore Cuzzocrea: l’economista Michele Limosani e la prorettrice Giovanna Spatari. Entrambi rappresentano profili accademici di alto livello e hanno presentato le loro proposte per il futuro dell’Università di Messina.

Ora, la palla è nelle mani del direttore generale Francesco Bonanno, il quale ha già dichiarato che la linea dell’amministrazione universitaria rimarrà invariata. Bonanno ha sottolineato che la principale questione, ovvero la legittimità del decreto di iniezione delle elezioni redatto dal decano in scadenza, il Prof. Bonina, rimane invariata.