22 Luglio 2024 - 16:01

“Mangia e Cambia”: Il Cibo Protagonista a Messina dal 17 al 19 Novembre

A partire da venerdì 17 a domenica 19 novembre, la città di Messina sarà il palcoscenico di un’esperienza culinaria straordinaria con l’evento “Mangia e Cambia”, la festa della cultura agroalimentare. La presentazione ufficiale si è svolta oggi, venerdì 10 novembre, durante una conferenza stampa tenutasi a palazzo Zanca.

L’iniziativa, patrocinata dal comune di Messina e promossa da Messina Food Policy, con il supporto di Slow Food Messina e Slow Food Italia, prevede tre giorni di appuntamenti enogastronomici, tavole rotonde, incontri, forum e laboratori del gusto promossi da Messina Food Policy, Slow Food Messina e Slow Food Italia.

Il sindaco Federico Basile e gli assessori Massimo Finocchiaro, Alessandra Calafiore ed Enzo Caruso hanno partecipato alla presentazione insieme a Giacomo Pinaffo, segretario generale Fondazione MeSSInA; Nino Mostaccio, presidente Slow Food Messina; e Barbara Nappini, presidente Slow Food Italia (in video collegamento da Torino).

Il sindaco Basile ha ringraziato l’Assemblea Nazionale di Slow Food Italia per aver scelto Messina come luogo di presentazione della rete dedicata a innescare un processo concreto di rigenerazione urbana attraverso il cibo. Ha evidenziato l’importanza di promuovere la salvaguardia della biodiversità dello Stretto di Messina, lo sviluppo di politiche per la transizione ecologica e la difesa delle eccellenze agroalimentari.

L’assessore Finocchiaro ha sottolineato che “Mangia e Cambia” è un’iniziativa che coinvolge l’intera città, promuovendo cambiamenti indispensabili. Ha dichiarato che l’evento rappresenta uno dei punti caratterizzanti dell’azione amministrativa per la promozione e il marketing territoriale, creando un cammino condiviso per rafforzare il brand agroalimentare ed enogastronomico della città.

L’assessore Calafiore ha evidenziato che l’iniziativa rientra nella progettazione del Pon Metro plus, favorendo una conoscenza condivisa del cibo. L’assessore Caruso ha sottolineato il ruolo del cibo nelle macroaree del turismo e della cultura, enfatizzando il suo potenziale come elemento di attrazione e aggregazione.

Nino Mostaccio, presidente di Slow Food Messina, ha affermato che è giunto il momento di promuovere una cultura agroalimentare più sostenibile, contrastando il cambiamento climatico e le diseguaglianze sociali. L’evento è dedicato a tutta la cittadinanza, con particolare attenzione a Messina e alla sua ricchezza di tradizioni locali.

Il programma di tre giorni include il Mercato dell’Agroecologia Siciliana, eventi enogastronomici, laboratori del gusto, forum tematici, itinerari slow, e la consegna del premio “Stretto Tra Due Mari” rivolto a chi contribuisce alla transizione ecologica.

“Mangia e Cambia” si propone di essere non solo un’esperienza gastronomica ma anche un momento di riflessione e sensibilizzazione sulla sostenibilità alimentare, coinvolgendo la città in un dialogo aperto sull’importanza di un cibo buono, pulito e giusto.