14 Luglio 2024 - 06:14

Nuove Frontiera della Ricerca UniME: Trasformare l’Aria in Cibo grazie all’Energia Solare

Il settore agroalimentare è essenziale per la nostra sopravvivenza, ma comporta un impatto significativo sull’ambiente. L’uso intensivo di fertilizzanti artificiali e i complessi processi agricoli contribuiscono all’inquinamento delle acque, al degrado dei terreni e alle emissioni di gas serra, mettendo in pericolo l’equilibrio ecologico del pianeta.

Tuttavia, un’incredibile soluzione potrebbe essere alla portata: produrre cibo direttamente dall’aria utilizzando l’energia solare. Invece di affidarci a processi tradizionali, potremmo sfruttare alberi artificiali in grado di catturare CO2, H2O e N2 dall’aria e trasformarli, grazie alla potenza del sole, in componenti alimentari come zuccheri e proteine, o addirittura in fertilizzanti per l’agricoltura. Questo approccio potrebbe ridurre drasticamente l’impatto ambientale del settore agroalimentare.

Gli scienziati del Dipartimento di Chimica Industriale dell’Università di Messina, guidati dai professori G. Centi e S. Perathoner, stanno aprendo nuove frontiere di ricerca in questo campo. Il loro lavoro, che sarà presto pubblicato sulla prestigiosa rivista Green Chemistry, esplora la possibilità di sviluppare alberi artificiali in grado di produrre fertilizzanti, carboidrati, proteine e altri prodotti direttamente dall’aria attraverso processi ibridi fotoelettrocatalitici.

Sebbene l’applicazione pratica di questa tecnologia richieda ulteriori studi, rappresenta un passo avanti rivoluzionario nel modo in cui produciamo cibo e prodotti chimici. Si stima che questa soluzione potrebbe ridurre le emissioni di gas serra e l’uso del suolo e delle risorse idriche di oltre il 95%, aprendo la strada a un nuovo modello di sviluppo sostenibile.

Questo studio rappresenta l’evoluzione di anni di ricerca condotta presso l’Università di Messina sulla creazione di foglie artificiali e dispositivi fotoelettrocatalitici che sfruttano l’energia solare per convertire la CO2 in combustibili solari. L’Università di Messina sta così emergendo come leader in questa innovativa direzione di ricerca, che promette di rivoluzionare la produzione di cibo, prodotti chimici ed energia, liberandoci dalla dipendenza da fonti esterne e spingendoci verso la creazione di comunità autosufficienti che sfruttano le risorse locali.

In sintesi, l’Università di Messina sta aprendo nuove prospettive nella ricerca scientifica, con l’obiettivo di trasformare l’aria e l’energia solare in risorse fondamentali per il futuro sostenibile del nostro pianeta.